Al servizio del tuo benessere

La Farmacia

Farmacia Patricelli

Nella nostra farmacia trovi i seguenti reparti:

COSMESI

Ad oggi l'Organizzazione Mondiale della Sanità definisce la salute come "stato di completo benessere fisico, psichico e sociale" e non semplice assenza di malattia; in questo ambito noi vediamo la cura del sè come parte di un insieme che favorisca il sentirsi a proprio agio anche emotivamente.

Per questo motivo il nostro reparto cosmetico ospita un vasto assortimento di linee caratterizzate da innovative formule studiate per fornire alla clientela efficaci cosmetici e cosmeceutici con attività antiossidante, idratante e anti age permettendo alla pelle di essere sempre al meglio. L'offerta cosmetica si completa con una gamma di integratori che tracciano un percorso alimentare in grado di sopperire alle carenze biologiche esterne direttamente dall'interno.

L'utilizzo di questi nutraceutici consolida e aumenta i risultati ottenuti con l'uso regolare di un programma cosmetico.
Tra i nostri partners troverete ditte come: My Cli - Nuxe - Revolution I cosmeceutici - Bionike - Ylatì - Euphidra - Laboratorio della Farmacia - Pharmaspa - Laserliftskincare - Mavala

Ad attendervi troverete una qualificata addetta cosmesi in grado di consigliarvi il protocollo cosmetico più indicato per le vostre esigenze ed il giusto make-up per ogni occasione. Il reparto si arricchisce di un nuovo Corner Cosmetico dove potrete provare i prodotti da noi offerti ed usufruire del consiglio di un esperto e dei seguenti servizi:

ANALISI di PELLE E CAPELLI con dermatoscopio, per supportare il consiglio dermocosmetico anche in caso di problematiche che non richiedono l'intervento del medico

ANALISI FOTOTIPO

RIGENERAZIONE CELLULARE con apparecchiatura SELFBEAUTY per effettuare trattamenti di fotobiostiolazione

PROVA di COSMETICI in cabina con massaggio ad aria mediante ossigeno concentrato

TRUCCO correttivo (camouflage) e personalizzato in cabina con make-up artist specializzati

CHECK-UP CELLULITE

VETERINARIA

Oggi siamo tutti più attenti alla salute dei nostri animali, per rispetto nei loro confronti e per noi stessi, consapevoli che il loro buono stato di salute rende più serena la reciproca convivenza.

Da noi anche il consiglio veterinario risente della nostra filosofia.

Amanti degli animali innanzitutto, abbiamo perseguito una formazione che ci permette di rivolgere le attenzioni ai nostri amici a 4 zampe sia in prevenzione che in terapia, oltre che con i rimedi tradizionali, anche con prodotti naturali fitoterapici o omeopatici e fiori di Bach. Riteniamo che quando è possibile bisognerebbe trattare perfino gli animali da cortile con un approccio più naturale e facciamo del nostro meglio per trovare anche in questo ambito degli integratori a salvaguardia della nostra salute come consumatori di uova, latte o carne dei nostri allevamenti domestici.

Nella nostra farmacia sono reperibili prodotti specifici per ogni problematica prescritti, suggeriti da veterinario o consigliati direttamente quando possibile:
Medicinali (antibiotici, antiparassitari, antielmintici,vaccini)
Medicinali Omeopatici
Disinfettanti ambientali
Integratori alimentari
Prodotti per l'igiene
Ausili

In omaggio troverete la nostra rivista di veterinaria bimestrale ricca di idee e curiosità.

Siamo inoltre in grado di procurare in tempi brevissimi qualsiasi prodotto, farmaco o dispositivo per uso veterinario anche su prenotazione telefonica (0422451174) o tramite mail (farm.patricelli@libero.it)

LABORATORIO DI GALENICA OFFICINALE E MAGISTRALE

La Galenica è l'arte di preparare rimedi terapeutici in farmacia. Specifica dei farmacisti, tramandata dagli antichi speziali, intermediari tra medici e malati quando questo era l'unico modo per ricevere cure mediche.

Il termine fa riferimento a Galeno, medico della Grecia classica, che introdusse e diffuse l'uso di preparati ad azione curativa ottenuti miscelando sostanze diverse con la stessa azione terapeutica.

Il preparato galenico è la preparazione realizzabile direttamente dal farmacista nel laboratorio della sua farmacia, in forma personalizzata e specifica per ogni paziente. I preparati galenici possono perciò essere considerati farmaci su misura e possono essere di due tipi:
Magistrali se allestiti in base ad una ricetta medica
Officinali se allestiti sulla base di formule registrate nella Farmacopea Ufficiale Italiana, Europea o di un Paese membro.

Oggi il laboratorio galenico pur mantenendo intatta la sua missione, si avvale dell'ausilio di apparecchiature moderne che consentono la realizzazione in sicurezza e in tempi ridotti di forme farmaceutiche tradizionali, come tisane o cartine, ma anche teoricamente di tutti i tipi di farmaci, dai più semplici ai più complessi e deve essere all'altezza di garantire la qualità richiesta dalla normativa vigente, paragonabile a quella dell'industria farmaceutica. La preparazione di tali farmaci è sottoposta ad una legislazione rigorosa codificata nella Farmacopea Italiana, testo che tutte le farmacie devono avere obbligatoriamente in edizione aggiornata.

Il laboratorio della farmacia è conosciuto e frequentato prevalentemente per le preparazioni dermatologiche e quelle per i neonati quando in commercio non esistono i bassissimi dosaggi adeguati, ma potrebbe rappresentare la salvezza per quei pazienti affetti da malattie rare che utilizzano i cosiddetti farmaci orfani in quanto non più prodotti dalle industrie farmaceutiche e perciò irreperibili.
Il tipo di preparazione, il suo grado di complessità o le sostanze da impiegare condizionano i tempi di realizzazione e la relativa attesa per la consegna. E' per la vostra e la nostra serenità che a volte il preparato non può essere realizzato immediatamente, ma è nostra cura farvi attendere il minimo indispensabile.

FLORITERAPIA

FLORITERAPIA DI BACH

E' un metodo terapeutico ideato negli anni 30 dal medico gallese Edward Bach e tuttora molto utilizzato nell'ambito della medicina naturale e psicosomatica anche se, come per l'omeopatia, a tuttoggi non esiste una spiegazione scientifica dimostrabile del meccanismo di azione dei rimedi.
E' basato su una concezione dell'essere umano inteso come unità inscindibile fisico-psichica-spirituale, la cui salute dipende dall'equilibrio di queste tre componenti.
Secondo Bach la malattia è l'espressione di un atteggiamento mentale consolidato, derivante in pratica dal proprio modo di vivere gli eventi della vita.
Il preparato ottenuto dai fiori, estratto secondo la modalità indicata da Bach, sarebbe in grado di sbloccare le tensioni emotive a volte capaci di indurre manifestazioni morbose anche a livello fisico. Per Bach infatti, ciò che caratterizza ogni quadro morboso non sono tanto i sintomi quanto la condizione mentale che li ha sostenuti perciò, sebbene vi siano migliaia di condizioni patologiche, alla loro base ci sono sempre gli stessi atteggiamenti mentali i quali corrispondono ai suoi 38 fiori.
Egli sosteneva che"Non importa di cosa soffra il paziente nel suo corpo, la causa primaria di tale condizione potrà essere estirpata se si potrà risalire a riequilibrare l'alterazione che è nella sua psiche "
I suoi studi si basarono sull'osservazione dell'effetto di alcuni fiori selvatici, ai quali aveva riconosciuto proprietà riequilibranti a livello energetico, nella cura di diverse patologie. Egli aveva ipotizzato che si potesse ottenere la risoluzione dei problemi fisici curando le emozioni negative alla loro base, ed arrivò alla conclusione che ad ogni blocco emotivo corrisponde uno stato potenziale positivo che il fiore aiuta a recuperare.
Bach può essere considerato come un precursore della visione della moderna medicina psicosomatica che vede nei sintomi della malattia l'espressione di un profondo disagio psicologico.
Gli stati emotivi espressi dai 38 fiori rappresentano quegli stati mentali in cui ogni uomo nel corso della propria vita di sicuro si può venire a trovare provvisoriamente o permanentemente. Secondo Bach non è nella pianta che si trova la qualità guaritrice, ma nel fiore che manifesta una forma più sottile di energia vitale.
I rimedi prendono il nome dal fiore da cui si estaggono e possono essere usati singolarmente o in miscela tra loro, secondo le necessità del caso.
Attraverso l'osservazione della natura umana, in particolare di come le persone reagiscono diversamente di fronte alla stessa malattia, suddivise i rimedi in 7 gruppi ognuno dei quali corrisponde ad una gamma di stati mentali ed emotivi disarmonici.
L'assunzione dei fiori aiuta il paziente a prendere coscienza del proprio conflitto interiore e con l'eliminazione di paure, ansie, stati depressivi, odio, rabbia, invidia, rancore, gelosia, egoismo, superbia si potrà tornare in armonia.
Bach indica anche accanto allo stato mentale da correggere, l'obiettivo verso cui la persona deve tendere.
I primi studiati sono stati i fiori inglesi, ma oggi la floriterapia attinge a un vasto repertorio; stanno creando interesse soprattutto i fiori Californiani, gli Australiani, gli Himalayani. Tutte le scuole di pensiero comunque riconoscono che ogni fiore aiuta a correggere uno specifico atteggiamento emotivo negativo e a riportare in armonia uno stato emozionale alterato.

FLORITERAPIA HIMALAYANA

La terapia con fiori Himalayani è collegata alla floriterapia di Bach e può anche essere usata in maniera complementare. Fu scoperta dal naturalista e ricercatore ex architetto di giardini di origini australiane M. Tanmania nel 1990 in occasione di un suo viaggio in India.
Amante dei fiori racconta egli stesso di essersi trovato sull'Himalaya, nella Valle Parati della regione Khulamen, nascosta tra una natura incontaminata e lussureggiante di piante e fiori mai visti che sbucano dovunque dalla terra e dalle rocce, con un atteggiamento che sembra di determinazione e coraggio e dove la stessa acqua che vi sgorga ha proprietà curative. Nel cogliere quei fiori sia lui che l'amico con cui si trovava avvertirono energie particolari. Memore della ricerca del dott. Bach decise di provarli per testarne l'effetto, che fu immediato.
Con il tempo e l'uso egli capì che questi fiori non agiscono nello stesso modo dei fiori di Bach, scalzando le tendenze mentali negative, ma stimolando quelli che lui chiamò i plessi energetici e che corrispondono sia ai chakra delle filosofie orientali, che a quelli che sono considerati oggi i collegamenti PNEI. A differenza dei fiori di Bach il nome dei fiori Himalayani non deriva dal nome botanico, ma dalle loro proprietà terapeutiche:

DOWN TO EART o Radice della Terra per i blocchi energetici da paure forti e da esaurimento psicofisico
WELL BEING (benessere) per l'apatia e l'indifferenza che insorgono quando mancano autostima e fiducia negli altri
STRENGTH (forza) per chi è vittima di schemi imposti
ECSTASY (estasi) perl'egoismo, la solitudine, la gelosia, l'attaccamento
AUTENTICITY (autenticità) per la difficoltà o incapacità a comunicare
CLARITY(chiarezza) per la mancanza di concentrazione e la confusione
FLIGHT (volo) per la mancanza di ideali e il vuoto interiore
GRATEFULNESS (gratitudine) per dissipare egoismo ed egocentrismo
CHILDREN FLOWER (fiore dei bambini) armonizzatore della personalità dei bambini

FLORITERAPIA AUSTRALIANA

Le essenze floreali australiane sono state scoperte e sviluppate dal Dr. Ian White, psicologo e biologo che, appassionato di fitoterapia ed innamorato della sua terra, ebbe l'intuizione di utilizzare le innumerevoli specie floreali presenti nel bush australiano per creare una linea di essenze che racchiudessero in sè la particolarità di un continente antichissimo e unico come l'Australia.

Durante i suoi studi sul campo si rese conto che la società moderna ha esigenze e problematiche che richiedono nuovi rimedi per affrontare tematiche quali la spiritualità, la sessualità, la comunicazione e la creatività ed è per questo che il Dr. White ha ampliato notevolmente il numero di rimedi per far fronte a queste nuove esigenze. Il potere dei fiori australiani è quindi quello di promuovere un'armonia sul piano emozionale, mentale ma anche fisico e spirituale.

Presso la nostra Farmacia è possibile prenotare un appuntamento allo 0422.45117 per eseguire un test o per un colloquio per la scelta degli opportuni Fiori di Bach, Australiani o Hymalaiani

ERBORISTERIA E FITOTERAPIA

L'ERBORISTERIA è un'arte che risale all'antichità e si occupa di coltivare, raccogliere e conservare le piante a scopo terapeutico, cosmetico o nutritivo.

La FITOTERAPIA è la pratica terapeutica che utilizza preparati a base di piante o loro estratti a scopo curativo.
L'uso delle erbe per rimanere in salute o per curarsi è una pratica potente e saggia che risale alle origini del'uomo, appresa probabilmente dagli animali che istintivamente sanno ancora riconoscere le piante utili al loro fabbisogno per curarsi o per mantenersi in salute.
Era il metodo terapeutico utilizzato quando ancora non erano state scoperte e studiate le sostanze chimiche che oggi compongono i farmaci, le quali hanno anzi in buona parte origine nel mondo fitoterapico, come ad esempio l'Aspirina.
A differenza dei farmaci propri della medicina convenzionale, comunemente costituiti da singole molecole chimiche, le sostanze attive vegetali si trovano in fitocomplessi, cioè miscele di principi attivi che la natura ha messo insieme per "collaborare", per esaltare l'effetto e modularne gli effetti collaterali.
L'azione del fitocomplesso è diversa da quella di ciascuno dei singoli composti che lo costituiscono perchè è l'effetto dalla somma dell'azione farmacologica dei diversi composti e delle interazioni positive che possono avvenire tra questi.
La forza del fitocomplesso rappresenta spesso la risposta adatta ai più comuni disturbi psico-fisici che il farmacista affronta quotidianamente dialogando con il suo cliente.
Questo reparto occupa un’area molto estesa della nostra Farmacia, e le competenze che lo staff della nostra Farmacia ha acquisito consentono consigli efficaci e innovativi.
Ogni suggerimento terapeutico viene proposto dopo una accurata indagine sulle condizioni del paziente e sulle eventuali terapie già in atto perchè la fitoterapia pur essendo un grande aiuto nella cura di diverse patologie, non è sempre innocua e non tutte le erbe possono essere assunte sempre, come in caso di gravidanza o allattamento, se si assumono altri farmaci oppure in presenza di particolari patologie.

La Farmacia possiede un fornitissimo reparto di erboristeria e fitoterapia dove è possibile trovare oltre al personale qualificato, opuscoli informativi.
Accanto ai prodotti delle aziende leader nel settore erboristico è possibile trovare i prodotti del Laboratorio della Farmacia, Macerati Glicerici, Tinture Madri, Tisane, Oli essenziali, Succo di Aloe e succhi in genere, estratti secchi e fluidi.

Prepariamo tisane ispirate al Codex per affrontare, in modo naturale, piccoli problemi quotidiani:
Tisana allattamento
Tisana depurativa
Tisana per il microcircolo
Tisana elimina liquidi
Tisana regolatrice intestinale
Tisana per il riposo notturno
Tisana digestiva e antigonfiore
Tisana linea

... e molte altre sono formulabili a richiesta in base alle vostre specifiche necessità.

Come preparare una tisana

Infuso adatto per le strutture delicate come fiori e foglie :
Portare ad ebollizione l'acqua fredda in un apposito recipiente.
Versare l'acqua bollente in una tazza da 100-150 ml, contenente 1-2 cucchiai da minestra di miscela di erbe, e lasciare in infusione per 7-10 minuti, coprendo la tazza per evitare la perdita di sostanze attive.
Filtrare, dolcificare a piacimento, preferibilmente con poco miele di acacia e consumare subito dopo la sua preparazione per evitare contaminazioni microbiche.

Decotto per le droghe compatte come cortecce o radici :
Far bollire la miscela di erbe nell'acqua per un tempo variabile in base alla durezza della pianta.
Far raffreddare, filtrare ed utilizzarla per via interna o esterna come previsto.

Su ordinazione (direttamente da casa anche tramite cellulare, sms, mail) possiamo reperire in poche ore il prodotto o la pianta che meglio risponde alle vostre esigenze.

OMEOPATIA

L'OMEOPATIA (dal greco omoios=simile e pathos=malattia) è una Medicina energetica che si basa sulla Legge dei Simili. A differenza, la Medicina Tradizionale e l'Erboristeria seguono invece la Legge dei Contrari che prevede l'uso del principio attivo con azione contraria a quello specifico sintomo.
Secondo la Legge di Similitudine una sostanza capace di produrre determinati disturbi allo stato sperimentale nell'uomo sano può guarire un soggetto malato di una qualsiasi malattia che si presenti con gli stessi sintomi .
I rimedi si ottengono da sostanze di origine animale, vegetale e minerale diluite e dinamizzate.
Secondo questa visione non esiste la malattia, ma il malato con il suo modo unico di ammalarsi ed i suoi sintomi sono la guida per la scelta del rimedio più adatto e per la ripetizione delle dosi.
La scoperta della Legge di Similitudine risale ad Ippocrate, il padre della Medicina, ma venne elaborata ed elevata a sistema terapeutico dal medico tedesco Samuel Hahnemann (1955-1843), che deluso dalle pratiche mediche dei suoi tempi, conoscitore di decine di lingue, tra cui l'italiano, le abbandona per dedicarsi ad un lavoro di traduzione di scritti scientifici. In occasione della traduzione di una pubblicazione sulla corteccia di china rimase colpito dalla similitudine esistente tra i sintomi della malaria ed i sintomi presentati dagli operai addetti alla manipolazione della corteccia di china , da cui si estrae il chinino, farmaco che cura la malaria.
Seguace del vitalismo, corrente di pensiero che esalta la vis medicatrix naturae, cioè la capacità vitale della natura intesa come forza energetica e spirituale al di là del suo aspetto biologico materiale, ne fu ispirato ed iniziò a sperimentare gli effetti dell'uso di veleni in diluizione sempre maggiore sugli intossicati dello stesso veleno. Si accorse che più diluiva più le sostanze perdevano l'effetto tossico ma mantenevano una azione terapeutica risolutrice.
Dalle sperimentazioni di Hahnemann nasce il principio dell'Omeopatia "Similia similibus curentur" (ovvero il simile cura il simile, ciò che intossica può anche guarire se somministrato al dosaggio opportuno); gli stessi sintomi , o sintomi molto simili, riscontrati in una persona malata saranno curati dal rimedio che li può provocare nella persona sana.
E' una metodica terapeutica non validata con il metodo scientifico tradizionale, ma diffusa in tutto il mondo.
Numerosi sono stati nel tempo i seguaci di Hanneman: alcuni hanno portato avanti le sue teorie invariate ed hanno ispirato coloro che praticano l' Omeopatia Classica Unicista che utilizza medicinali a dosi deboli o infinitesimali prescritti individualmente in base alla caratteristiche del paziente.
Altri hanno sperimentato l'uso di più rimedi omeopatici contemporaneamente dando origine all'Omeopatia Pluralista (prescrizione di più rimedi unitari) e a quella Complessista (prescrizione di un insieme di rimedi in una unica formulazione) e all'Omotossicologia, terapia con rimedi omeopatici volta alla eliminazione dei fattori velenosi per l'uomo (omotossine).

L'OMOTOSSICOLOGIA
creata da Reckeweg è una Omeopatia più moderna, basata su ricerche biochimiche, fisiologiche, farmacologiche e mediche in genere.
Il concetto di base vede la malattia come la lotta dell' organismo contro le tossine endogene (prodotte dal corpo stesso) o esogene (provenienti dall'ambiente come l'inquinamento o i microbi) per renderle innocue e poi espellerle. La terapia consiste nell'uso di rimedi omeopatici in grado di far regredire la problematica ripulendo l'organismo, ristimolando la forza vitale e trattando le predisposizioni del paziente intervenendo sulla sua costituzione con i rimedi dell'Omeopatia classica.

La MEDICINA ANTROPOSOFICA di ispirazione Steineriana: accanto a indicazioni ben precise sullo stile di vita, sul rispetto della natura e dei suoi cicli biologici utilizza anche rimedi omeopatici preparati in accordo con la propria filosofia.

La TERAPIA SANUM è anch'essa una metodologia di trattamento che utilizza rimedi omeopatizzati, ma che non appartengono all 'omeopatia. Viene definita anche ISOPATIA e il suo scopo è quello di contrastare l'evoluzione dei comuni processi patologici verso la cronicità per impedire l'evoluzione di forme non patogene verso la fase virulenta. Non è una metodica omeopatica in senso stretto, e condivide con l'omeopatia solo le basse dosi dei rimedi.
Anche la Terapia Sanum ha origini nobili essendosi il prof. Enderleind, suo scopritore nel 1916, ispirato al lavoro di Bechamp, illustre contemporaneo di Pasteur. Questi a differenza di Pasteur e in diatriba con lui, credeva che i microbi fossero interni e non esterni, che il terreno fosse tutto e il germe niente, pensiero che oggi si tende a rivalutare .

IMPORTANTE: COME ASSUMERE I RIMEDI OMEOPATICI:

I granuli, i globuli e le gocce non devono essere toccati con le mani, ma versati nel tappo dosatore perchè toccandoli si potrebbe ridurre l'efficacia del rimedio;
devono essere messi sotto la lingua e lasciati sciogliere (non deglutiti) a bocca pulita, cioè lontano dai pasti di circa mezz'ora se non è prevista una ripetizione frequente;
evitare l'uso di sostanze come alcool, caffè, fumo almeno un'ora prima e un'ora dopo l'assunzione del rimedio;
evitare sostanze come menta, liquirizia ed esposizione alla canfora che potrebbe annullare l'effetto del rimedio;
conservare il rimedio lontano da forti odori (canfora, detersivi,profumi ecc.) da fonti di calore e da fonti elettromagnetiche (televisore, computer, casse dello stereo, ecc.).
La frequenza della ripetizione delle dosi dipende dal rimedio, dalla sua diluizione (espressa dal numero accanto al nome del farmaco) e dallo stato del paziente.

ALTRI REPARTI

- Tisanoreica 

- Alimenti Biologici 

- Sali Tissutali 

- Puericultura 

- Reparto sportivo 

- Elettromedicali